Home Facciamo yoga Asana

Asana: il guerriero, Virabhadrasana

Virabhadrasana è detta anche la posizione del guerriero: vediamone in dettaglio l’esecuzione, le caratteristiche, i benefici e la simbologia.

Significati, simboli ed etimologia

Virabhadra è un eroe potente, nato da un capello che il dio Shiva si strappò e gettò nel Gange. La posizione è dunque l’espressione della forza virile e dell’ira. L’eroe è spesso effigiato davanti ai templi, come un guardiano.

Vira= l’eroe; Bhadra= fermo, stabile

Una leggenda narra che il re delle montagne (padre della dèa Parvati, sposa di Shiva), in occasione di una festa, dimenticò di invitare Shiva: iIl dio si arrabbiò moltissimo, e creò un figlio per distruggere il re. Il figlio si chiamò Vira Bhadra, entrò in guerra fin dalla nascita e sfidò il re delle montagne. Ma Parvati comprese che il ragazzo era figlio di Shiva, e perciò anche suo. Allora gli svelò di essere sua madre, e Vira Bhadra si infuriò moltissimo con Shiva e gli si rivoltò contro per distruggerlo. Ma Parvati, per proteggere Shiva e il mondo, s’interpose polverizzando Vira Bhadra.

Caratteristiche

Mantra: Om Sri Virabhadraya namah
Bija mantra: RAM, veicolo dell’elemento fuoco
Elementi: terra e fuoco, predominante
Natura: maschile
Chakra attivato: Manipura, il terzo chakra
Soffio vitale:samana
Respirazione:toracica
Asana compensatrici: mahavira, bhudevi
Stagione propizia: inverno
Ora adatta:mattino
La posizione è adatta: a chi ha bisogno di forza e potere

Benefici

Eseguire la posizione del guerriero aiuta l’equilibrio; massaggia gli organi della cavità addominale; tonifica i muscoli addominali; rettifica la scoliosi; rinforza le ginocchia; sviluppa e tonifica i muscoli di braccia e gambe, rendendoli proporzionati; aumenta il senso di equilibrio; sviluppa la capacità respiratoria; migliora la circolazione venosa e linfatica di tutto il corpo; stimola la secrezione gastrica, la peristalsi e l’evacuazione; previene la formazione di calcoli renali; dona elasticità ai muscoli della schiena; favorisce l’attenzione della mente e ne riduce l’agitazione.

Controindicazioni

Nessuna; in menopausa può creare qualche disagio a causa del calore che sviluppa.


Come eseguire VirabhadrasanaEsecuzione

  • In piedi, gambe ben divaricate, allungare le braccia davanti a sé, ben tese, unendo le mani e intrecciando i pollici.
  • Ruotare il piede destro sul tallone, per portare il busto di profilo; flettere il ginocchio destro, finché la coscia sia parallela alla terra; la gamba sinistra resta ben tesa.
  • Inspirando alzare le braccia alla verticale, al di là del capo, espirando inarcare il collo all’indietro per guardare le mani.
  • Restare qualche respiro, tornare e ripetere dall’altro lato per gli stessi tempi.

 

 


Variante: Virabhadrasana IIVarianti

Variante 1 – Virabhadrasana II

  • In piedi, gambe ben divaricate, aprire le braccia lateralmente, tendendole bene, con i palmi delle mani rivolti al pavimento.
  • Portare la gamba destra dietro alla sinistra, alla distanza di almeno un metro, allineando il piede destro con l’asse del piede sinistro, facendo attenzione a che il ginocchio non sporga oltre la caviglia.
  • Riportare di fronte il bacino e le spalle, il capo e il viso; espirando, flettere la gamba sinistra ad angolo retto, mentre la gamba destra resta tesa, ruotando contemporaneamente il capo verso sinistra, a fissare la mano sinistra.
  • Mantenere da 30 secondi a 2 minuti, espirando profondamente.
  • Inspirando, tornare con le gambe tese e ripetere dall’altro lato per gli stessi tempi.

Variante: Virabhadrasana IIIVariante 2 – Virabhadrasana III

  • In piedi, portare indietro la gamba sinistra, a circa mezzo metro dalla destra.
  • Piegare un po’ la gamba destra congiungendo le mani davanti al petto.
  • Espirando piegare il busto in avanti sollevando contemporaneamente indietro la gamba destra; le braccia si allungano davanti per cercare l’equilibrio; il busto, il collo e la gamba destra sono perfettamente allineati in orizzontale, su un’unica linea; la gamba di sostegno è distesa ma non rigida.
  • Ripetere dall’altro lato con gli stessi tempi.
Illustrazioni di Lucia Zacchi

Scrivici un commento