Home Cos'è lo yoga

Le vie dello yoga

Come abbiamo scritto più volte e considerato fin dal nome di questo sito, esistono molte vie dello yoga. Sono sentieri differenti, che talvolta possono persino apparire contraddittori, ma sono sempre rivolti alla medesima meta: l’autorealizzazione, o illuminazione, cioè l’unione del Sé individuale con l’Assoluto.

Come mai tante vie?

Nel corso dei millenni, tutte le forme di yoga si sono concentrate sul risveglio e sul controllo dell’energia umana. Lo hanno fatto lavorando su diversi aspetti dell’essere umano (il corpo, la mente, lo spirito) e con diversi strumenti: l’esercizio fisico, la disciplina, l’analisi intellettuale, lo studio, la meditazione, la filosofia, il sentimento religioso… Con il tempo la pratica dello yoga si è andata specializzando, privilegiando alcuni di questi elementi a seconda delle inclinazioni e delle esigenze dei praticanti.

Le principali vie dello yoga

Storici e studiosi hanno individuato fino a ventidue diversi sentieri dello yoga riconosciuti nei secoli, alcuni dei quali non sono più praticati ai giorni nostri. Vi proponiamo una breve descrizione dei principali.

  • Jnana yoga, il sentiero della saggezza: lo yogi ricerca il suo vero Sé con la pratica dello studio e della meditazione, perseguendo la conoscenza
  • Bhakti yoga, il sentiero della devozione, in cui l’ego si arrende all’amore: il praticante può raggiungere l’illuminazione con la preghiera e la venerazione di un dio o di un guru illuminato, secondo il principio per cui “diventiamo le cose che amiamo e adoriamo”
  • Karma yoga, il sentiero dell’azione disinteressata: lo yogi dedica la sua vita a portare a compimento le azioni, grandi o piccole, trascendendo il Sé, ovvero con motivazioni disinteressate.
  • Mantra yoga, il sentiero del suono sacro: un’antica via dello yoga che risale al periodo vedico, prevede la ripetizione di sillabe, parole o frasi (suoni detti appunto mantra) tramite le quali lo yogi si concentra fino ad escludere tutto il resto
  • Raja yoga, il “sentiero regale”: è la via descritta in un famoso testo antico, lo Yoga Sutra di Patanjali. Unisce diverse pratiche in un sentiero a otto stadi chiamato “le otto braccia dello yoga”
  • Hatha yoga, il sentiero del controllo fisico: tramite l’esercizio fisico delle posture (asana), armonizza gli opposti e prepara il corpo per le fasi successive del Raja yoga. È la via di yoga più conosciuta e praticata in occidente
  • Kundalini yoga, il sentiero della consapevolezza: mira alla realizzazione del potenziale dell’individio attraverso il risveglio dell’energia kundalini, l’energia latente che riposa alla base della colonna vertebrale, un concetto fondamentale della tradizione tantrica
  • Nada yoga, il sentiero del suono interiore: utilizza il suono, il mantra e la musica per la realizzazione del Sé
  • Kriya yoga, il sentiero della purificazione: è una particolare forma di Raja yoga che prevede la pratica combinata di esercizi di purificazione con un profondo studio, condotto insieme a un maestro spirituale
  • Laya yoga, il sentiero che unisce finito e infinito, è una forma antica e profonda di connessione dell’uomo con l’universo. Attraverso pratiche immaginative lo yogi si prefigge di riassorbire gli elementi costitutivi del cosmo fino a raggiungere con la meditazione uno stadio precedente allo spazio e al tempo
Potrebbe interessarti anche

Scrivici un commento