Stage di danza del ventre a Cesena

Stage di Danza del Ventre

“l’ombelico e il linguaggio simbolico della danza del ventre”

Livello open: per principianti e non, rivolto a donne e uomini
Sabato 2 marzo, dalle 15:30 alle 17:30, ospiteremo uno stage di Danza del Ventre con l’insegnante Amira (Claudia Turroni). Lo stage di livello open: aperto a tutti, ai principianti e a chi già pratica la danza del ventre, alle donne ma anche agli uomini.  Si tratta di un primo percorso introduttivo alla danza del ventre in chiave simbolica, a partire dall’ombelico come centro di equilibrio da cui si propaga l’energia del movimento e luogo di unione tra opposti (cielo-terra, maschile-femminile). È una perfetta occasione per avvicinarsi alla danza del ventre per la prima volta o per approfondire la conoscenza e la pratica di una danza che invita ad abbandonarsi alla sapienza intrinseca del corpo, all’apertura verso l’emozione profonda, e che è stata definita manifestazione inconscia delle simbologie sacre arcaiche (terra, spirale, cerchio, serpente ed altre ancora). Sfatando un luogo comune che la vorrebbe legata esclusivamente ad un fine seduttivo femminile, questa esperienza si rivolge anche agli uomini che desiderino stimolare in maniera benefica e nuova l’antica memoria del corpo e ripristinare la mobilità e le facoltà sensoriali del bacino, tanto spesso contratto e imprigionato in una dolorosa corazza. La respirazione profonda e la piacevolezza dei ritmi orientali, al contempo distensivi e coinvolgenti, accompagneranno con grazia i partecipanti in un universo che si sostiene non su elementi esteriori, come potrebbero essere età, genere o corporatura, ma su qualità proprie dello spirito, quali vitalità e armonia.

“L’ombelico è la soglia della vita interiore, che attraverso la danza centrata nel respiro di contrazione ed espansione del ventre, ci apre all’unita primordiale della vita”

(da Il linguaggio segreto della danza del ventre di M. Strova, Macro Edizioni)

Come partecipare?

Per informazioni  e per prenotare la tua partecipazione, contatta il Centro Le Vie del Dharma!

Le Vie del Dharma è unassociazione sportiva dilettantesta e di promozione sociale affiliata a AICS e CSEN. Tutte le attività sono rivolte agli associati.
Calendario degli appuntamenti
Sabato 2 marzo 2019
dalle 15:30 alle 17:30

Per informazioni e iscrizioni:

Tutte le attività del Centro sono riservate ai soci dell'associazione Le Vie del Dharma.

insegnante-Claudia-turroni

Insegnante: Amira / Claudia Turroni

Claudia Turroni, in arte Amira, è una danzatrice e insegnante di danza del ventre. Inizia il proprio percorso di studi nel 2006. Dopo essersi formata con l’insegnante italiana Sahira, approfondisce lo studio di questa disciplina attraverso stage e seminari con docenti internazionali, tra cui Sabuha Shannaz, Yasmin Nammu, Zaza Hassan e Sonia Ochoa.

Nel 2011 inizia ad insegnare in maniera indipendente ed intraprende un percorso di studi e ricerca che la porterà a sviluppare una metodologia di lavoro personale, frutto di una indagine condotta sulle origini e sugli aspetti filosofici sottesi a questa danza. Tale metodo è improntato alla fusione tra corpo fisico e sfera mentale e spirituale ed esprime un’estetica che si manifesta mediante l’unione dell’ambito sensoriale ed emotivo alla tecnica.

Dal 2013, attraverso la collaborazione con Claudia Stambazzi (percussionista, flautista e cantante) e con svariati gruppi musicali, tra cui Sottalpaco e Artenovecento, sperimenta contaminazioni tra danza araba espressiva, danze folcloristiche e danza del ventre lirica.

Nello stesso anno avvia una collaborazione con diversi attori e realtà teatrali, tra cui Niko Di Felice, e, successivamente, Anna Benedetta San Filippo e la Compagnia Fuori Scena, che diverrà il tratto caratteristico delle sue produzioni artistiche.

È ideatrice, coreografa e drammaturga dei propri spettacoli che, mescolando danza e linguaggio teatrale e poetico, volgono con delicatezza lo sguardo al mondo femminile e al tema dell’anima (Da Lilith in poi, These boots are made for walking, Nel paese delle meraviglie, Così danzò Sheherazade, Donne Violate e Nel Ventre – Omaggio in danza alla “pittora” Artemisia Gentileschi) ed hanno spesso ottenuto riconoscimenti pubblici e l’inserimento all’interno di rassegne.