Home Libri La nostra collana

trigger point

  • Editore: BIS Edizioni
  • Data pubblicazione: Giugno 2014
  • Formato: Libro – Pag 350 – 19,5×23,5

Cosa è un Trigger Point?
Si chiamano Trigger Point perché come dice la traduzione della parola, sono “punti grilletto”, che se premuti, sparano il dolore a distanza.
E’ un Trigger Point il muscolo del collo che quando premuto viene sentito dal paziente nella tempia.
E’ un Trigger Point quel punto doloroso del muscolo lombare che se premuto viene sentito nella gamba, è un Trigger Point quel muscolo della scapola che quando premuto viene percepito sullo sterno.

La terapia dei Punti Trigger è stata ideata da terapeuti americani negli ultimi decenni e consiste nella stimolazione tramite pressioni manuali, lente e di tipo diverso in quanto a intensità, su determinati punti della struttura miofasciale muscolare (riconoscibili al tatto per la loro dolorabilità e maggior densità tessutale).

In questo modo i dolori nel giro di qualche trattamento scompaiono. I Punti Trigger hanno la propria origine in seguito a uno stress, una postura scorretta, un incidente, una caduta, una malattia, una tensione emozionale, una carenza nutrizionale ecc.

Ci sono punti attivi e punti latenti che possono entrare in gioco sotto determinate condizioni e ci sono punti trigger principali e punti trigger secondari. Il testo è suddiviso per fasce muscolari e zone scheletro-muscolari e le patologie che è possibile alleviare con questo testo (in autotrattamento) sono davvero molte e non sempre esclusivamente di carattere osteomuscolare (mal di schiena, artrite, sindrome del tunnel carpale, mal di testa, traumi da incidenti, sinusite, dolori da interventi chirurgici ecc.).

Certo è un tipo di trattamento soprattutto sintomatico, ma nel caso di dolori cronici, ambito per cui si ricorre a questa terapia, anche un minimo sollievo può fare la differenza nella qualità della vita, tanto più senza effetti collaterali come in questo caso (a differenza dell’’uso degli antidolorifici chimici).

 

Scrivici un commento