Home Facciamo yoga Mudra

Shanti Mudra, il gesto della pace

Mancano pochi giorni al Natale: in questa ultima settimana di Avvento, vogliamo proporvi alcuni spunti per la pratica che possano aiutarci a trovare la Pace in noi e a donarla al prossimo. Dalla tradizione dello yoga Satyananda ci giunge questa invocazione chiamata proprio Shanti Mudra, “gesto della Pace”.

Shanti Mudra, il gesto della pace: come eseguirlo

Shanti Mudra - il gesto della pace - 1Seduti in una posizione meditativa, con la colonna vertebrale eretta e lo sguardo rivolto in avanti. Chiudere gli occhi e mettere le mani in grembo.

Stadio 1

  • Inspirare ed espirare più profondamente possibile, contraendo i muscoli addominali per espellere tutta l’aria.
  • Contrarre anche il pavimento pelvico per trattenere il respiro contando fino a 4.

 

Shanti Mudra - il gesto della pace - 2Stadio 2

  • Rilassare le contrazioni e inspirare lentamente e profondamente, espandendo al massimo l’addome al massimo per far entrare quanta più aria possibile;
  • contemporaneamente sollevare le mani fino all’altezza dell’ombelico.
  • Le mani sono aperte, con le dita orientate le une verso le altre (senza toccarsi), e i palmi rivolti verso l’ombelico.
  • Associare il movimento delle mani all’inspirazione addominale.

 

Shanti Mudra - il gesto della pace - 3Stadio 3

  • Continuare l’inspirazione, espandendo il torace e alzando le mani finché sono esattamente di fronte al cuore.

 

 

 

 


 

Shanti Mudra - il gesto della pace - 4Stadio 4

  • Inspirare ancora più aria sollevando le spalle,
  • coordinando il movimento al respiro sollevare le mani fino alla gola.

 

 

 

 

 


 

Shanti Mudra - il gesto della pace - 5Stadio 5

  • Trattenere il respiro all’interno e allargare all’infuori le braccia.
  • Nella posizione finale le mani devono essere a livello delle orecchie, le braccia aperte e leggermente piegate.
  • Cercare di visualizzare un’aura di pura luce che emana dalla testa; sentite il vostro intero essere irradiare vibrazioni di pace a tutti gli esseri.
  • Mantenere questa posizione il più a lungo possibile senza forzare i polmoni in alcun modo.
  • Poi ritornare alla posizione iniziale, espirando e ripetere tutti i 5 stadi nell’ordine inverso.
  • Infine rilassare il corpo respirando profondamente e lentamente.

Quando si è perfezionata la pratica, il respiro può essere visualizzato come una corrente di luce bianca che sale e scende lungo la colonna. Aumentare lentamente la durata dell’inspirazione, della ritenzione e dell’espirazione.


Asana Pranayama Mudra BandhaAsana Pranayama Mudra Bandha, di Swami Satyananda Saraswati

Uno dei manuali più sistematici sullo yoga disponibili al giorno d’oggi, riconosciuto a livello internazionale, Asana Pranayama Mudra Bandha è il principale testo di riferimento utilizzato dagli insegnanti e dai praticanti dello yoga di tradizione Satyananda, ma non solo. Questo testo dettagliato presenta chiare illustrazioni, guida passo dopo passo, fornisce i dettagli per la consapevolezza dei chakra, conduce il praticante o l’insegnante dalle pratiche più semplici a quelle più avanzate del sistema dell’Hatha Yoga.


Toccare la Pace, di Thich Nhat HanhToccare la Pace, di Thich Nhat Hanh

Un agile libro che ci aiuta a scoprire l’importanza del vivere nel momento presente. Respirare con consapevolezza, essere presenti a tutto ciò che, dentro e fuori di noi, può risanarci e rinnovare il nostro contatto con la vita. Solo così si potrà ricostruire una società migliore, famiglie e comunità più salde e accoglienti, e realizzare la dimensione ultima della realtà in ogni atto della vita quotidiana.

 

Potrebbe interessarti anche

Scrivici un commento