Home Facciamo yoga Asana

Dandasana. la posizione del Bastone

Dandasana, la posizione del bastone, è ottima per la postura della colonna vertebrale e per distendere e tonificare tutti i muscoli del corpo. A livello emotivo, aiuta a superare le fragilità e a sentirsi forti, in comando.

Significati, simboli ed etimologia

Danda significa “bastone” e asana, come ormai ben sappiamo, la posizione yoga.

Danda è il bastone, simbolo di potere e comando. Il bastone può essere anche inteso come una protezione: in certi villaggi dell’India, si appende un bastone sopra la porta per scacciare gli spiriti malvagi. La posizione del bastone è dedicata a Isana, appellativo di Agni (il fuoco) che ne rappresenta il “potere”. Nella posizione, il corpo diventa diritto come un bastone, su un’unica linea, si allunga e diviene anche “duro” come un bastone. Per gli stessi motivi la posizione è anche chiamata “lo stecco” (yastikasana).

Caratteristiche

Mantra: Om Sri Isanaya namah
Bija mantra: RAM, veicolo dell’elemento fuoco
Elementi: terra e fuoco, predominante
Natura: maschile
Chakra attivato: Manipura, il terzo chakra
Soffio vitale:samana
Respirazione:toracica
Asana compensatrici: Sarpa (il serpente), Bhastrika (il mantice)
Stagione propizia: inverno
Ora adatta:sera
La posizione è adatta: a chi è fragile, non sa comandare e si sottomette alla volontà altrui

Benefici

Dandasana tonifica tutti i muscoli del corpo; esercita una buona trazione sulla colonna vertebrale, correggendone i difetti di postura, soprattutto in chi sta molto in piedi.

Controindicazioni

Iperlordosi lombare (ovvero, se non si riesce ad appoggiare a terra la parte finale della schiena).

Esecuzione

  • Dalla posizione supina sollevare le due braccia tese per portarle al di là del capo, ad appoggiare i dorsi delle mani sul pavimento;
  • intrecciando le dita (ad eccezione degli indici che, uniti, restano a contatto del pavimento), allungare tutto il corpo ad ogni inspirazione, come se qualcuno tirasse dai polsi e qualcun altro dalle caviglie;
  • ad ogni espirazione rilassare un po’, senza sciogliere la posizione;
  • durante l’inspiro allungare anche i dorsi dei piedi, come per toccare il pavimento con gli alluci.
  • Per tutto il tempo cercare di riempire i vuoti percepiti fra la schiena e il pavimento, in particolare nella zona lombare.
  • Restare per 10 respiri.
  • Tornare con le braccia lungo il corpo e riposare.
  • Ripetere per un totale di 3 volte.

Come eseguire la posizione del bastone, Dandasana

Varianti

Posizione del bastone parziale

  • Dalla posizione distesa sulla schiena, piegare la gamba destra, appoggiando il piede a terra, vicino al bacino, il braccio destro resta a terra, accanto al corpo, col palmo in basso.
  • Sollevare il braccio sinistro teso, portandolo al di là del capo, fino ad appoggiare il dorso della mano sul pavimento.
  • Ad ogni inspirazione allungare la parte sinistra del corpo, tirando il piede in un senso a la mano nel senso opposto;
  • rilassare ad ogni espirazione, senza sciogliere la posizione, respirando da 4 a 7 volte.
  • Tornare, ripetere dall’altro lato per gli stessi tempi.
  • Ripetere l’intera sequenza per un totale di 3 volte.

Asana KuvalayanandaLetture consigliate: Asana – le posizioni base dello yoga, di Swami Kuvalayananda

Vuoi approfondire il tuo studio delle asana?

Questo classico dello yoga ci porta direttamente la voce di uno dei grandi maestri indiani contemporanei, pioniere dello studio medico e scientifico dello yoga. In questo manuale presenta la principali posizioni dello yoga e i relativi benefici e usi terapeutici.

 

asanapranayamamudrabandhaLetture consigliate: Asana Pranayama Mudra Bandha, di Swami Satyananda Saraswati

Uno dei manuali più sistematici e completi sullo yoga disponibili al giorno d’oggi, indispensabile per insegnanti e per gli allievi che desiderano approfondire lo studio non solo delle asana, ma di tutti gli aspetti tecnici corporei dello yoga.

Scrivici un commento